Primo giorno di Wrooom 2013, il Press Ski Meeting di F1 e MotoGP in corso a Madonna di Campiglio. Mentre la Ferrari si dedica allo sci, la Ducati riparte da un team rinnovato per affrontare la prossima stagione. La prima conferenza stampa ufficiale è tutta per il nuovo arrivo di Borgo Panigale, Andrea Dovizioso (foto sito ufficiale Wroom). Sepang sarà il vero punto di partenza per l’avventura in rosso del pilota forlivese: “Il primo feeling è stato positivo. Mi aspettavo una moto totalmente ingestibile per quanto raccontato ma non era così. A Jerez il problema al collo mi ha fermato, ma ora con 6 giorni in Malesia ci sarà tempo per capire la Ducati”.  Dovi rassicura sulle sue condizioni fisiche: “Ho una micro ernia c5 c6 credo. Ora sto bene anche se la micro frattura è lì. Ci vorrà ancora qualche trattamento ma saremo pronti per i test”. 

A livello di metodo di lavoro non ci saranno stravolgimenti: “Non copieremo nessuna moto. Ogni moto ha la sua filosofia e bisogna trovare tutti i lati positivi della Desmosedici. Molto dipenderà su cosa rimarrà e su cosa dovremo cambiare. Dovremo essere aperti a 360 gradi per eventuali cambiamenti. In base ai tempi a disposizione faremo le modifiche possibili e necessarie. Non ha senso parlare a livello tecnico perché ancora ho passato troppo poco tempo in sella alla moto, quello che è sicuro è che la stagione 2013 inizierà con il materiale della fine della scorsa annata”.

Inutile però farsi illusioni: “Servono obiettivi semplici: bisogna lavorare per diminuire il gap. Ho scelto questa sfida perché so di poter far bene. Devo conoscere tutti, ma è un progetto a lungo termine e le prime gare non saranno un problema a livello di risultati. Il primo anno tutto di lavoro: dovremo capire la moto e dovremo lavorare più che altro nei fine settimana di GP. Poi penseremo a fare risultati importanti. Poter lavorare anche con gli ingegneri che non ti vedono mai perché non viaggiano può essere fondamentale e sarà un punto a nostro favore”

Non poteva mancare un pensiero a Valentino Rossi: “Prendere il suo posto è molto particolare, ma il fatto che non abbia fatto moltissimo con questa moto diciamo che aiuta, anche se non è stato assolutamente un peso nella mia decisione”.  Infine, un battuta sul nuovo compagno di squadra Nicky Hayden: “E’ sempre stato un pilota corretto e tranquillo. Abbiamo un carattere simile e se c‘è la voglia di lavorare e collaborare sarò il primo a voler condividere le informazioni con lui. È una brava persona e non ce ne sono molte nel Mondiale”.