Finalmente è realtà, l’ottava generazione della Volkswagen Golf ha tolto il velo e si mostra in tutto il suo vigore. La Golf è una compagna fedele sulle strade di tutto il mondo da quasi 45 anni, e con questa ottava versione fa un balzo in avanti a livello tecnologico e di contenuti, un’auto moderna e all’avanguardia che però rimane sostanzialmente fedele alla tradizione. L’esordio sul mercato è fissato a dicembre per Germania e Austria, mentre in Italia arriverà a partire dal 2020.

Sviluppata sulla piattaforma MQB EVO, esteticamente porta un’evoluzione esterna delle forme viste sulla Golf 7, mentre i grandi cambiamenti li abbiamo al suo interno. Nuovo layout della plancia (sottoposta ad un rinnovamento piuttosto marcato) con il dispositivo “Innovision Cockpit” che comprende, nell’ordine, la strumentazione digitale con display HD da 10.25” e, contiguo ad esso, lo schermo centrale (da 8.25”, ottenibile da 10” a richiesta) destinato alla visualizzazione ed al controllo delle funzionalità infotainment. Grande novità è il sistema di comunicazione Car2X, che mediante il nuovo standard armonizzato dall’Unione Europea permette alla vettura di scambiarsi informazioni con gli altri veicoli e con le infrastrutture stradali in un raggio di 800 metri. Non mancano poi elementi come il Cruise Control adattivo, il comando automatico Light Assist dei fari abbaglianti, il sistema di navigazione, il collegamento con le applicazioni smartphone App-Connect così come il collegamento alle stesse in modalità wireless.

Volkswagen Golf 8 prevede una varietà di alimentazioni decisamente ampia: unità a benzina, turbodiesel, metano, mild hybrid e plug-in hybrid. Nel 2020 la lineup Golf 8 si arricchirà con le versioni GTIGTI Tcr ed R, tutte accomunate dalle unità TSI 2.0. Sempre nel 2020 esordiranno le versioni GTD e TGI 1.5