A Suzuka Vettel ha conquistato con qualche Gran Premio d’anticipo il titolo iridato ed è salito anche sul terzo gradino del podio, un traguardo che non lascia indifferenti gli appassionati di Formula 1 e i tifosi della Red Bull. Ecco cos’è successo dopo il traguardo.Vettel sapeva di laurearsi a Suzuka campione del mondo. Il secondo titolo iridato in due stagioni consecutive.

È il più giovane pilota ad aver raggiunto questo traguardo. Eppure ha sempre affrontato le gare una dopo l’altra, con umiltà e coraggio.

Dopo il traguardo di Suzuka però, dove ha ottenuto anche il terzo gradino del podio, la sua commozione è esplosa.

È andato a festeggiare dai tifosi senza togliersi nemmeno il casco.

Forse voleva nascondere quelle lacrime che lo rendono ancora più dolce.

Il suo primo commento è stato uno sguardo d’insieme alla stagione automobilistica 2011: un anno lungo e difficile, ma soprattutto fantastico. Vettel ha tentato di fare il bis, riuscendoci, ma tenendo sempre conto del fatto che imprese così non sono facili da ripetere.

In Giappone poi la Red Bull non è riuscita a dare il massimo, un po’ colpa delle gomme morbide, un po’ degli avversari come Alonso e Button che si sono dati battaglia dall’inizio alla fine.

Anche per Vettel l’insuperabile, recuperare terreno dal tandem di testa è stato impossibile.