Chi dice che il gran premio indiano sia stato noioso non ha assolutamente considerato l’impresa di Vettel che conquistando anche questa gara fa un passo avanti verso il guinness. Hamilton, dopo lo scontro con Massa non commenta l’accaduto ma si limita a dire che la gara è stata noiosa. Ha perso anche qualche posizione in seguito al contatto con il ferrista, archiviando il circuito del Subcontinente con un deludente settimo posto.

Scaramucce a parte, il grande protagonista è stato ancora una volta Vettel che non solo si è portato a casa il titolo iridato con un bel po’ di gare di anticipo ma ci tiene ancora a ribadire il suo predominio.

In India poi, il cannibale della Formula 1 è stato a dir poco spettacolare visto che ha vinto sia la pole posizione, sia la gara. In più è stato in testa dall’inizio alla fine e ha fatto registrare il giro più veloce di tutto il giorno.

Per quanto riguarda i giri trascorsi al comando, Vettel ha eguagliato il record di Mansell che finora era stato il primatista migliore con 693 giri passati al comando. Benché il pilota tedesco della Red Bull sia molto umile e dica di non pensare ai primati, gara dopo gara sta entrando nella storia.