Dopo il successo del 2017 con la sua prima edizione, torna la Vespa Sei giorni con la II Edition. Si tratta di una serie numerata che trae ispirazione dal connubio tra la tecnologia e l’indole di grande viaggiatrice tipiche della famiglia Vespa GTS e del pedigree sportivo del prodotto di Pontedera. La Sei Giorni prende spunto proprio da un episodio epico del passato, cioè la gara di regolarità “Sei Giorni Internazionale di Varese” del 1951, nella quale Vespa fu protagonista conquistando ben 9 medaglie d’oro.

Il protagonista di questa Vespa è il motore HPE da 300 cc, che rispetto alla versione del 2017 ha una potenza massima che raggiunge i 17,5 kW (23,8 CV) , che rappresentano un incremento del 12%, mentre la coppia massima, pari a 26 Nm , sale del 18%. Le prestazioni sono garantite da questo potente propulsore, ma anche esteticamente sono stati fatti dei lavori eccezionali che richiamano la grande tradizione di Vespa, come il “faro basso”, il manubrio in tubo metallico a vista, la strumentazione circolare e il cupolino brunito che fascia la strumentazione, mentre lo scudo frontale accoglie la nuova “cravatta”, allungata e impreziosita da fregi nero opaco. Per concludere il cerchio ci sono il portanumero nero, rievocazione delle Vespa della Squadra Corse anni ’50, messo in risalto da particolari neri, come i cerchi e il silenziatore di scarico, e da grintosi dettagli rossi. La Vespa Sei Giorni II Edition ha inoltre il nuovo colore dedicato Grigio Sei Giorni, che è una sua esclusiva.

Non mancano anche modernità come la porta USB, collocata all’interno del cassetto nel retroscudo, così come il fanale posteriore che adotta ora la tecnologia di illuminazione full LED. Sul fronte sicurezza, è presente di serie il sistema antibloccaggio in frenata ABS. Tanti anche gli optional disponibili, dalla sella con doppia seduta, alla sella in vera pelle “Made in Italy” color testa di moro. Vespa Sei Giorni II Edition è disponibile al prezzo di 6.490 euro franco concessionario.