A Valencia si chiude il Motomondiale, ma non si possono attendere i risultati finali della gara per avere dei commenti a caldo. Ad una settimana dalla morte di Sic ci si chiede che effetto fa. Che sensazione si prova a tornare in pista dopo il tragico incidente di Sepang che ha determinato il decesso di Marco Simoncelli? È questa la domanda che si pongono tutti i fan del motomondiale. Forse, infatti, solo i colleghi più intimi di Sic possono dire quel che accade al “ritorno”.

Il primo a commentare le prove è Valentino Rossi che ripete l’importanza di scendere in pista. È difficile sicuramente correre con il pensiero che vola verso Marco Simoncelli, ma è molto importante che prima della chiusura della stagione ci sia stata un’altra gara.

Rossi ha anche ottenuto un terzo posto di tutto rispetto nelle prove libere di Valencia sostenendo che le ali non gliele ha messe di certo Sic ma la sua Desmosedici che va molto bene sul bagnato e in condizioni meteo abbastanza fredde.

Anche per Nicky Hayden è stato provvidenziale tornare a correre, sembra sia l’unico modo per togliersi dalla mente quelle tragiche immagini dell’incidente. Tutti sanno che può accadere ma vederlo succedere è ben diverso.

Capirossi è sceso in pista con il numero 58 dopo averne chiesto l’autorizzazione a Paolo Simoncelli e Fausto Gresini. Nell’ultimo gran premio della sua carriera è stato importante essere in qualche modo vicino a Sic.

Pasini, che di Marco era un grande amico spiega la difficoltà di tornare in pista e il vuoto che Simoncelli ha lasciato.