In attesa di vedere le moto in pista nei prossimi giorni in Malesia, per il primo test della stagione a Sepang (CLICCA QUI PER IL CALENDARIO DEI TEST), si svelano le nuove squadre 2014. Dopo aver scoperto la nuova Yamaha, giovedì 30 gennaio è stato presentato ufficialmente il Team GO&FUN Honda Gresini, che parteciperà al campionato MotoGP 2014 con Alvaro Bautista e Scott Redding (CLICCA QUI PER CONOSCERE MEGLIO IL PILOTA INGLESE). Nella cornice del Teatro Titano di San Marino svelata ovviamente la nuova livrea della Honda: la RC213V in configurazione Factory per il pilota spagnolo mentre la nuovissima RCV1000R del giovane rider inglese che prenderà parte alla neonata categoria Open.

Ad aprire i saluti è stato il presidente di GO&FUN, Bruno Bollini: “L’anno scorso abbiamo lavorato molto bene, condividendo progetti e sviluppi per il futuro. L’arrivo di Scott Redding è una bella novità, un’iniezione di energia che ci voleva. Lo seguivo già da un paio d’anni e mi piace il personaggio, credo ci darà molte soddisfazioni. Alvaro, dal canto suo, è ormai diventato un campionissimo della MotoGP: lo ha già dimostrato, è sempre lì assieme ai primi e per il 2014 ci aspettiamo quel passettino in più che gli possa consentire di arrivare spesso sul podio”. 

Il Team Manager Fausto Gresini ricorda che per la squadra è il diciottesimo anno nel Motomondiale: “Possiamo dire di essere diventati… maggiorenni! Alvaro è entrato di diritto tra i ‘top rider’, avendo già dimostrato ampiamente di potersi inserire, ad ogni Gran Premio, nella top five: un risultato incredibile se si pensa al livello di competitività raggiunto dalla MotoGP odierna. Quest’anno ci aspettiamo da lui un ulteriore miglioramento. Poi nutriamo grandi aspettative sull’esordio di Redding, giovanissimo ma già molto esperto. Mi piace il suo atteggiamento combattivo e con lui ci aspettiamo di primeggiare nella nuova categoria Open”. 

Bautista, al terzo anno consecutivo, punta a centrare almeno un piazzamento in top 3: “Eeputo il 2013 una stagione molto positiva perché le nostre performance sono cresciute costantemente. Nella seconda metà dell’anno sono sempre rimasto vicino ai primi, ritrovandomi a lottare quasi in tutte le gare con la Yamaha ufficiale di Valentino Rossi. Abbiamo svolto un ottimo lavoro di sviluppo sulle sospensioni Showa e questo ci mette nelle condizioni di partire da un’ottima base. Le moto ufficiali sono sempre difficili da battere ma sono convinto che lavorando bene potremo salire sul podio diverse volte”. 

Anche Redding ha voglia di dimostrare subito il suo valore: “Tutto è nuovo per me qui, ma sono proprio queste le sfide che mi piacciono! Tutti nel Team sono stati molto accoglienti e il polso ora è a posto per guidare, mi sono allenato duramente perché voglio affrontare i tre giorni di test nelle migliori condizioni possibili. Cercherò di ridurre il gap dalle prime posizioni e dalle altre Open, perché l’intenzione è quella di essere il migliore tra i piloti dotate di queste moto”.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook