Vite e storie accomunate da un’unica passione: i rally. Dopo il successo di “Sotto il segno dei rally. Storie di piloti italiani 1960-1979″, ad un anno di distanza Beppe Donazzan completa il monumentale lavoro realizzato sulla storia del rallismo italiano con un secondo volume che non cambia formula.

“Sotto il segno dei rally. Storie di piloti italiani dal 1980 ad oggi” è un’appassionante serie di storie, fatti e imprese che finiscono per dar vita ad un romanzo su un mondo che richiama di anno in anno sempre più appassionati. Non solo biografie, ma autentici “brani di vita” raccontati da personaggi dal grande spessore umano e sportivo che hanno lasciato tracce importanti e sovente dimenticate.

Nel secondo volume (376 pag., Giorgio Nada Editore), i protagonisti sono alcuni fra i piloti italiani di maggior rilievo che hanno corso dagli anni Ottanta sino ad oggi: da Vudafieri a Cerrato, da Zanussi a Biasion, fino a Liatti e Deila. Tra loro non poteva mancare  Paolo Andreucci, il plurititolato e reduce dal suo ottavo titolo. Il pilota di Garfagnana è intervenuto alla presentazione ufficiale che si è tenuta presso il “Salone Auto e Moto d’Epoca” insieme a Popi Amati, attuale direttore sportivo ed ex navigatore ufficiale Peugeot Italia, e Fabrizio Fabbri, ex campione italiano di rally e al timone della Racing Lions.

LEGGI ANCHE

Rally Due Valli 2014: Andreucci show, è ancora campione italiano

Andreucci campione italiano rally: la gloriosa carriera insieme ad Anna