Skoda si è dimostrata negli ultima anni come una Casa molto attiva, dinamica, capace di sfornare molti modelli in breve tempo. Ne sono uno esempio i vari Kodiaq e Karoq, e adesso la nuova Scala. Si tratta di una berlina di segmento C inedita che nel listino, figurativamente, va a sostituire la vecchia Rapid. La nuova Scala è stata sviluppata sulla celebre piattaforma MQB che permette di ottenere dei grandi vantaggi, ma il suo stile è originale e fresco, con un esterno raffinato nelle misure e nei dettagli. All’interno invece si respira un’aria di modernità, anche grazie allo schermo da 9,2 pollici a sbalzo sulla plancia.

L’infotainment di Skoda Scala è importante perché porta al debutto una terza generazione di sistema multimediale, con eSIM nativa che non costringe il cliente a utilizzare il proprio smartphone o una SIM dedicata e con Smartlink+ anche wireless per la connessione dello smartphone. Abbiamo parlato di tecnologia a bordo, ma la nuova creatura di Mlada-Boleslav dispone di tutto ciò che tiene alto lo standard in termini di sicurezza attiva e passiva: radar adattivo ACC, frenata automatica con riconoscimento pedone, mantenimento attivo della corsia di marcia Lane Assistant e rilevamento della stanchezza conducente. Tutto di serie già dalla cosiddetta versione “base”.

Disponibile con motori TSI e TDI e potenze da 95 CV a 150 CV, la Skoda Scala sarà disponibile in autunno anche con motorizzazione a metano 1.0 G-TEC 90 CV, che rappresenta una valida alternativa per chi cerca una vettura con un’alimentazione alternativa dai consumi moderati. I prezzi partono da  21.760 euro per la 1.0 TSI da 115 CV in allestimento ambition, successivamente verrà introdotta al prezzo di 19.960 euro la versione 1.0 TSI da 95 CV in allestimento Ambition che arriverà sulle strade italiane a partire dall’estate 2019.