Simoncelli a Motegi ha sentito per un attimo il piede sul podio. Le caratteristiche del percorso, gli errori altrui e una moto in crescendo sul lato prestazionale, hanno fatto sperare il campione italiano.

Poi ci si è messa di traverso una falsa partenza.La Honda Gresini ha rinnovato il contratto a Marco Simoncelli subito pronto a dimostrare alla squadra la riconoscenza del caso.

Eppure a Motegi non tutto è andato per il verso giusto perché una falsa partenza ha condizionato la gara del campione corianese.

Buttarsi giù? Altroché! Sic ha detto di volersi mangiare le mani ma poi ha usato quelle stesse mani per provare la nuova vettura del 2012.

È sceso a Motegi per testare la “1000” Honda. Con questa moto nel 2012 il tricolore è al sicuro.

I tecnici aspettavano una risposta dal pilota per la valutazione degli aspetti tecnici della RC213V e a quanto pare il feedback è stato molto positivo.

Sic ha poi approfittato del lasso di tempo che separa il MotoGP dall’appuntamento australiano per godersi un po’ di vacanza nelle Filippine.

Un’esperienza fantastica è il commento a caldo dato da Sic sulla RC213V.

Simoncelli ha fatto 50 giri sulla nuova vettura migliorando di molto i tempi ottenuti sullo stesso tracciato con la precedente versione, al RC212V.

Divertito, quindi e soddisfatto. Ha sottolineato che è una moto molto leggera e facile da guidare, in grado di impennarsi anche con la quinta e la sesta marcia.

I consigli che ha dato ai tecnici non li ha dati ovviamente in pasto alla stampa.

Il che vuol dire che la Honda Gresini può riservare ancora qualche sorpresa.