Dopo quattro anni il monovolume premium, Renault Espace, dà una rinfrescata sostanziale al suo look. Esternamente cambiano solo alcuni dettagli come i fascioni e la mascherina, oltre all’arrivo di un nuovo colore e nuovi cerchi in lega, da 20 pollici con l’allestimento più ricco, l’Initiale Paris che, infatti, in aggiunta propone delle cromature nella parte anteriore, nella cornice dei vetri, nella parte bassa della fiancata e nel listello sopra il portatarga. Questa sarà la prima Renault ad adottare i fari anteriori a matrice di Led che spengono in automatico alcuni diodi luminosi sulla base di quello che comunica la telecamera frontale: anche se restano attivi gli abbaglianti, creare un cono d’ombra per non accecare chi sta arrivando in senso opposto o ci precede.

Internamente il nuovo Espace propone un infotainment rinnovato con uno schermo di 10,2” che riproduce la mappa del navigatore satellitare e altre informazioni utili. Anche la consolle centrale si rinnova e ha uno sviluppo in verticale che ne aumenta eleganza e praticità. La dotazione è inoltre composta da due porta-bicchieri, due prese usb per ricaricare gli smartphone e un ingresso aux per la musica da una sorgente esterna. Sotto alla consolle centrale vi è disposta un’area per la ricarica della batteria degli smartphone in modalità wireless. Tra gli ADAS arriva la frenata automatica e l’assistente alla guida in colonna che fino a 160 km/h mantiene una distanza stabilita e gestisce in automatico sterzo, acceleratore e freni compreso l’arresto dell’auto.

Capitolo motori, restano invariati con il turbo a benzina di 1.800 cc TCe da 225 cv e il diesel sovralimentato di 2.000 cc dCi da 160 o 200 cv. Per tutti è previsto di serie il cambio robotizzato EDC a 7 marce, mentre fra le opzioni c’è il 4Control a 4 ruote posteriori sterzanti che aumentano la stabilità dell’auto. Nessun accenno di elettrificazione.