Il mondo dell’auto non è sempre accompagnato da notizie positive, spesso in un periodo come questo di grande crisi della produttività su scala mondiale. L’ultima news in ordine cronologico è quella di Pininfarina che ha messo in mobilità ben 127 dipendenti.L’azienda Pininfarina ha prodotto l’Alfa Brera e la Spider ma dal 2010 in poi le sue commesse, quelle ricevute, sono pari a zero. Il che vuol dire che la produzione auto è ferma.

Questo blocco non esprime soltanto la crisi del settore, ma minaccia la stabilità lavorativa di 127 dipendenti, tra operai e impiegati che sono stati messi in mobilità dalla Pininfarina. L’azienda ha annunciato quindi di aver preso visione delle procedure per ridurre il personale e cessare l’attività.

Le condizioni per continuare non ci sono, è questo il succo del comunicato stampa, perciò molti dipendenti legati alle attività produttive saranno presto in mobilità. Soprattutto operai, ma ci sono anche diversi impiegati.

Questi esuberi sono stati contati alla fine di un’operazione delicata che ha visto la cessione dello stabilimento di Grugliasco alla De Tomaso. Lo stabilimento di Bairo, al momento, è impegnato nella produzione di un’auto elettrica, la Cecomp. La destinazione dello stabilimento di San Giorgio Canavese è ancora sconosciuta.