Un viaggio per ripercorre la memoria storica a lungo e breve termine dell’automobile, passando dall’avventura di un uomo, Armand Peugeot, simbolo della rivoluzione industriale francese, non solo uomo delle quattro ruote transalpine, ma soprattutto lungimirante imprenditore. Due secoli di storia e d’impresa, così come pochi altri hanno saputo fare.

La città di partenza è Milano mentre quella di arrivo è Southampton, trentasei ore per raggiungere la cittadina inglese, passando per una tappa importante a Sochaux, laddove prende origine il “Leone” e dove si posano le radici dell’Azienda, il suo polo industriale e il Musée de l’Aventure.

Il raduno internazionale de “l’Aventure” è da sempre un’occasione per poter toccare con mano la creatività dell’automobile: dall’antesignana Eclipse alla ricercatezza della Darl’mat. Ogni modello è custodito con cura, dedizione e un pizzico di gelosia dai numerosi collezionisti, si nasconde un piccolo pezzo di storia sociale, di generazioni, di idee e progetti che hanno contribuito a mettere le ruote al mondo e che ancora oggi, sono capaci di tracciare linee marcate sull’automobile di domani.

Ogni marchio ha la sua storia, la sua nascita e la sua evoluzione. Uomini, donne e famiglie hanno lavorato e beneficiato delle idee e della creazione di un’automobile.

LEGGI ANCHE:

Peugeot 208 T16 test drive: un indomabile Leone per i puristi del rally

Peugeot 208 R2 test drive: una vera auto da rally per (quasi) tutti

Direttore per un giorno: Paolo Andreucci “guida” Leonardo.it