La Peugeot ha decisamente fatto centro con la 3008, un SUV che non ha niente a che vedere con il modello precedente meno equilibrato nelle forme e più crossover nella destinazione. L’abbiamo provata con il 2 litri turbodiesel più potente da 177 CV abbinato al nuovo cambio automatico EAT8.

Esterno: soliti tratti graffianti

Il design della 3008 è quanto più si addice ad un Leone a ruote alte, visto che è aggressivo ed originale al tempo stesso. La matita di Gilles Vidal ha disegnato un frontale grintoso, con i gruppi ottici a LED dotati di un taglio particolare ed una calandra verticale. La fiancata è muscolosa con il tetto che scendo in stile coupé nella zona posteriore ed appare sospeso nello stesso tempo. E poi c’è quell’elemento di colore nero tra i gruppi ottici posteriori che rende unico il retro della vettura. Non mancano le cromature ed i grandi cerchi in lega ad impreziosire il tutto.

Interno: 2 schermi per gestire l’auto

L’abitacolo della 3008 è spazioso ma colpisce per il design futuristico con lo schermo da 12,3 pollici che consente di cambiare in 5 modalità differenti la strumentazione digitale. È sufficiente premere un tasto sul volante e si può variare la grafica anche in movimento senza distrarsi troppo. Con lo stesso principio sono stati concepiti i tasti in stile pianoforte della consolle centrale che richiamano ognuno una funzione del sistema multimediale. Il piccolo volante è posizionato in basso come avviene sulle Peugeot ormai da tempo, ma rispetto alla 308 ed alla 508 non va ad interferire nella parte alta con la strumentazione. Tutto è ben congeniato e lo sforzo della Casa del Leone su questo modello è decisamente apprezzabile, ed è stato ripagato ampiamente dalle vendite. Di buona qualità i materiali con quelli dei pannelli porta che continuano sulla plancia. Ampio lo spazio interno sia davanti che dietro, mentre il bagagliaio offre una capacità di 520 litri. Per chi volesse un abitacolo ancora più ampio e la possibilità di avere 2 posti supplementari c’è sempre la 5008.

Al volante: nuovo cambio EAT8 e tanta grinta

Se con il 1.5 diesel da 130 CV la 3008 si guida con brio, con questo 2 litri da 177 CV le sue doti in appoggio e la sua agilità sul misto si esaltano e la vettura offre quel pizzico di pepe in più che i guidatori dall’animo sportivo apprezzeranno. Lo scatto da 0 a 100 km/h viene coperto in meno di 10 secondi, 9,8 s per l’esattezza, e la velocità massima sale fino a 215 km/h. Ce n’è abbastanza per viaggiare a bassi regimi in autostrada e per affrontare con piglio deciso le strade di montagna. Anche perché il nuovo cambio EAT8 con 2 rapporti in più ed un nuovo convertitore di coppia lavora in perfetta sinergia con il motore più potente della gamma a gasolio e consente di limare i consumi portandosi dietro meno peso, 2 kg per la precisione. I 15 km/l sono a portata di piede, ma volendo, se si viaggia in maniera costante e sfruttando poco la potenza della 3008 GT si possono percorrere tranquillamente i 16 km/l. Merito anche della coppia, che ha un valore di 400 Nm e consente di sfruttare il meno possibile il fluido cambio automatico realizzato dalla Aisin. Qualora si volesse abbandonare l’asfalto per uno sterrato, o ci si imbatta in una strada innevata o peggio ancora, con fango e sabbia, si può contare sull’Advanced Grip Control che ha una modalità specifica per ogni situazione e sfrutta al massimo la motricità delle ruote anteriori lavorando con l’elettronica di bordo. Certo, non è un fuoristrada e non vuole esserlo, per cui il consiglio è quello di non esagerare e di non metterla alla prova su percorsi troppo impegnativi, ma con questo dispositivo la 3008 se la cava bene in tutti quei contesti in cui rischia di imbattersi l’automobilista comune senza doversi portare dietro il fardello della trazione integrale.

Prezzo: 39.730 euro

Il costo della 3008 a gasolio più potente e più accessoriata sfiora i 40 mila euro, 39.730 euro per l’esattezza. Ma stiamo parlando di una vettura al vertice della gamma, con finiture che non temono quelle delle concorrenti di stampo premium, con tanta tecnologia a bordo e con una dotazione decisamente ricca. Per cui risulta ben rapportato ai contenuti che offre. Oltre tutto, può contare anche su un nuovo cambio automatico decisamente riuscito.