Nel segmento B stiamo per assistere ad uno sconvolgimento delle carte, perché Peugeot a breve presenterà a tutti la nuova 208, che avrà delle forme davvero accattivanti. Ma le qualità che propone la vettura transalpina non saranno limitate soltanto all’estetica, ma sarà anche una vettura versatile e adeguata agli standard di mobilità del futuro. A proposito di questo punto, la prossima generazione di Peugeot 208 sarà offerta ai clienti con tre possibili motorizzazioni: benzina, diesel ed elettrica. Le tante novità riguarderanno anche l’adozione di una nuova generazione Peugeot i-Cockpit che include un display 3D head-up e una miriade di strumenti di guida normalmente riservati a segmenti di mercato più elevati. La svolta della Casa del Leone è verso il lusso e la completezza degli equipaggiamenti, anche nel piccolo segmento B.

L’immagine della nuova Peugeot 208 è fresca e giovanile, capace sicuramente di attirare verso di sé anche le generazioni più giovani, che si affacciano per la prima volta al mondo delle quattro ruote. La base di partenza è la nuova piattaforma CMP (Common Modular Platform), che promette di essere molto versatile e moderna, con una sostanziale riduzione del peso e un’aerodinamica migliorata. Dedicata ai segmenti B e C, questa nuova serie di piattaforme completa l’EMP2 (Efficient Modular Platform).

Le motorizzazioni sono i benzina: PureTech 75 S & S BVM5, PureTech 100 S&S BVM6 o EAT8, PureTech 130 S & S EAT8; il diesel: BlueHDi 100 S & S BVM6; e l’elettrico da 100 KW (136 CV) che sviluppa 260 Nm di coppia, dotato di una reattività davvero immediata. L’autonomia dichiarata è di 340 km, secondo il protocollo di certificazione WLTP (Worldwide harmonized Light vehicles Test procedures) e di 450 km secondo NEDC (Nuovo ciclo di guida europeo ). La ricarica completa si effettua in 5 ore e 15 minuti nella versione trifase, in in 8 ore per la monofase. Per ricaricare l’80% della carica bastano 30 minuti.