Ci sarà un’apripista d’eccezione per la Verzegnis-Sella Chianzutan, appuntamento del Campionato Italiano Velocità Montagna in programma il 18 maggio sulle strade del Friuli. Paolo Andreucci, fresco vincitore della Targa Florio e sette volte campione Italiano Rally, sfoggerà un’auto unica, una versione del tutto particolare della 208 GTi, la ‘One Off UcciUssi‘. La vettura è personalizzata dal pilota di Garfagnana e riservata esclusivamente alle ricognizioni dei piloti ufficiali di Peugeot Italia in una delle più prestigiose gare italiane della specialità. Su un percorso di 5640 metri, si daranno battaglia ben 250 vetture, divise tra auto storiche e moderne.

La 208 GTi, lanciata un anno fa e prodotta già in più di 10mila esemplari, è equipaggiata con un motore 1.6 THP da 200 CV e 275 Nm abbinato a un cambio meccanico a sei rapporti. La ripresa e l’accelerazione sono vera sportiva, da 0 a 100 km/h in 6,8 secondi con solo 139 g di emissioni di CO2/km. Esternamente la 208 GTi ‘One Off UcciUssi’ ripropone i cerchi in lamiera bianchi che hanno caratterizzato le 205 e le 106 rally del passato, ed i gloriosi colori di Peugeot Sport sul bordo inferiore della calandra, sulla modanatura del pannello laterale posteriore e sul paraurti posteriore. Completano la personalizzazione della carrozzeria i loghi ‘Ucci’ e ‘Ussi’ della coppia Andreucci-Andreussi posti sulle portiere e la scritta ‘Hic Sunt Leones’, celebrativa delle vittorie degli ultimi anni, alla base dei montanti anteriori e sul portellone, a destra della targa.

Gli interni si differenziano dal modello di serie per le personalizzazioni dei tappetini e per i ricami sui sedili sportivi e per i materiali utilizzati, pelle e microfibra: “Già dalla passata stagione guido una 208 GTi - ha detto Andreucci -. La possibilità di personalizzarne una e cucirmela addosso, come fosse una tuta, mi ha stimolato molto…Sono abituato a lavorare su assetti, regolazioni e meccanica ma concentrarmi sugli aspetti estetici di una vettura di serie è stato meno facile di quanto pensassi. Mi sono rifatto ai colori e loghi che mi stanno più a cuore. Il punto di partenza è quello delle mitiche versioni stradali di Peugeot come la 205 Rally e la 106 Rally, vetture che ho posseduto e con cui ho corso. Poi come tutti gli sportivi sono scaramantico. Ho usato la 208 ‘One Off UcciUssi’ nelle ricognizioni della Targa Florio e direi che poi in gara con la 208 T16 ce la siamo cavata piuttosto bene!”. (QUI IL REPORT COMPLETO)

LEGGI ANCHE

Targa Florio: Andreucci vince ancora

Peugeot 208 GTI: prestazioni entusiasmanti

Peugeot 208 GTi: in un anno prodotte 10.000 vetture

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni

Citroën Ds3 R5: il debutto mondiale al Rally di Sanremo

CIR: scatta la stagione più interessante della storia