Lamborghini lancia un progetto unico nel suo genere la Huracàn Sterrato Concept, una supercar coupè in grado di affrontare anche i percorsi offroad. Sotto al cofano si nasconde, si fa per dire, il mostruoso propulsore 5.2 V10 da 640 CV, autentico cuore di questa vettura. Non è il primo tentativo che la Casa di Sant’Agata Bolognese realizza per veicoli di questa destinazione, infatti la Huracan Sterrato si rifà alle Lamborghini Jarama Rally ed Urraco Rally che il mai dimenticato Bob Wallace sviluppò fra il 1973 ed il 1974, per provare le potenzialità di una eventuale unione fra elevatissime prestazioni ed impieghi agonistici sulle strade non battute dall’asfalto.

“Huracán Sterrato non è altro che la rappresentazione dell’essenza pionieristica di Lamborghini – dichiara Maurizio Reggiani, Chief Technical officer di Automobili Lamborghini – Nella sua combinazione di caratteristiche da supersportiva e capacità off-road, Sterrato Concept dimostra la versatilità di Huracán e crea un nuovo punto di riferimento in termini di emozioni di guida e prestazioni”. “I nostri team Design e Ricerca e Sviluppo non smettono mai di esplorare nuovi orizzonti, proprio come vuole il DNA di Lamborghini, sfidando ciò che apparentemente sembra impossibile, ma sempre nel rispetto della nostra tradizione”.

Il prototipo Lamborghini Huracàn Sterrato Concept è stato sviluppato prendendo come base la Huracan Evo, su cui si sentono forti le influenza della Urus, il SUV del Toro. Un esempio è l’adozione dei sistemi di regolazione elettronica della dinamica veicolo: dal modulo LDVI-Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata che comunica in modo predittivo con i controlli trazione e l’assetto. Anche il corpo vettura ha ricevuto le sue specifiche modifiche, infatti vengono adoperati un nuovo pannello che agisce da diffusore, dei rinforzi in alluminio al telaietto anteriore, elementi supplementari dello stesso materiale a protezione delle “minigonne” sottoporta, pannelli protettivi per il motore e le prese d’aria e parafanghi realizzati con materiali ibridi composti da fibra di carbonio e resina elastomerica. Vedremo se questo prodotto rimarrà un semplice concept o se ci sarà in futuro una derivazione racing o di produzione ufficiale.