Tra pochi anni vederemo in commercio l’auto ‘intelligente’: le qualità di un maggiordomo con quelle di una segretaria si combineranno per offrire un’esperienza di guida totalmente personalizzata. Ad annunciarlo il Gruppo Jaguar Land Rover che sta sviluppando queste tecnologie per inserirle nei sui prossimi modelli. I ricercatori della casa inglese, avvalendosi delle più moderne tecniche dell’Apprendimento Automatico e dell’Intelligenza Artificiale, la Self Learning Car garantirà al guidatore tutta una gamma di servizi, grazie ad un nuovo algoritmo in grado di riconoscere il pilota e di apprenderne le preferenze e lo stile di guida.

Il software applicherà quindi quanto appreso, tenendo conto di una serie di variabili che includono l’agenda personale, l’orario, le condizioni del traffico e le condizioni atmosferiche, per prevedere il comportamento del guidatore e farsi carico di molti compiti della routine di guida, consentendo al pilota di concentrarsi meglio sulla guida: “Fino ad oggi, la ricerca automobilistica sull’autoapprendimento è stata focalizzata sul traffico o sulla navigazione – ha dichiarato il Dr. Wolfgang Epple, Director of Research and Technology di Jaguar Land Rover -. Noi intendiamo andare oltre con il nostro nuovo algoritmo”.

Lo “Smart Assistant” consulterà l’agenda del giorno e tarerà il percorso del navigatore facendo in modo di evitare gli ingorghi e, sempre secondo quanto indicato in agenda, indicherà anche le destinazioni successive. La Self Learning Car saprà, ad esempio, se chi guida si sta recando in palestra e, in questo caso, saprà se durante il tragitto preferisce una temperatura più elevata come preriscaldamento e più fresca nel viaggio di ritorno a casa. Se si portano i bambini a scuola, il veicolo riconoscerà ogni passeggero, offrendogli le opzioni di infotainment preferite. Se abitualmente si effettua una determinata telefonata in un dato orario o luogo, la macchina si offrirà di effettuare la chiamata. Se si sta tardando ad un appuntamento, il veicolo si offrirà di avvertire chi è in attesa per telefono o email, con una minima necessità di interazione da parte del guidatore.

L’auto imparerà anche lo stile di guida di ognuno dei piloti, nelle più svariate condizioni di traffico e su diversi tipi di strade. Quando viene inserito l’Auto Adaptive Cruise Control (AACC), questo controllo automatico della velocità di crociera applicherà alla situazione di guida, le distanze di sicurezza ed i profili di accelerazione precedentemente appresi. L’esperienza di guida personalizzata non è limitata al veicolo posseduto ma funzionerà anche con una Jaguar o una Land Rover intelligente prese a noleggio. Fra le caratteristiche del Concept Self-Learning Car oltre alla personalizzazione del veicolo, anche la previsione di destinazione , i rifornimenti di carburante e le notifiche Intelligenti.

LEGGI ANCHE

Il nuovo Range Rover Sport SVR

Una panoramica del Range Rover Evoque