Siamo pronti per la 35° edizione di “Auto e Moto d’epoca” che avrà luogo dal 25 al 28 ottobre presso la Fiera di Padova, un appuntamento speciale per gli appassionati di auto storiche d’Europa, che vedrà la presenza di oltre 5.000 vetture in vendita e più di 1600 espositori. A questo appuntamento non poteva di certo mancare FCA Heritage, sezione nata per valorizzare e promuovere il patrimonio storico dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth, e che quest’anno metterà in esposizione in un’area rinnovata la Fiat S 61 Corsa (1908), la Fiat 124 Sport Spider (1967), la Pininfarina Spidereuropa (1981), la Lancia Delta HF Integrale Gr. A «Safari» (1988) e l’Alfa Romeo 75 Turbo Evoluzione IMSA (1988).

Tra le altre ci sarà anche la Alfa Romeo Giulietta Sprint del 1955 appartenente al cantante dei Litfiba Piero Pelù, che è stata di recente oggetto di un accurato restauro con tanto di “Certificazione di Autenticità” da parte di Alfa Romeo Classiche.Meritano assoluta attenzione una Fiat 124 Sport Spider del 1967 e una Pininfarina Spidereuropa del 1982, ambasciatrici del progetto “Reloaded by Creators”, lanciato lo scorso febbraio, e con cui FCA Heritage propone in vendita un numero limitato di vetture selezionate, tornate al loro antico splendore dopo un accurato intervento di restauro effettuato direttamente dal costruttore.

Anche il Marchio Lancia sarà presente, con la Lancia Delta HF Integrale Gr. A «Safari» che tra gli innumerevoli successi conquistati nelle competizioni, il Rally Safari occupa un posto particolare. Questa importante competizione, chiamata confidenzialmente “il Safari”, venne istituita nel 1953 dalla East African Coronation Safari per celebrare l’incoronazione della Regina Elisabetta II e divenne una delle gare più impegnative a faticose per vetture ed equipaggi, costretti a sfrecciare lungo la savana, facendo i conti con i mille imprevisti che queste condizioni comportavano. La Lancia aveva tentato ben dieci volte, senza successo, di riuscire a conquistare il gradino più alto del podio nella durissima gara africana. Finalmente nel 1988 l’esemplare in esposizione  – guidato da Miki Biasion – riuscì ad imporsi non senza difficoltà, tra cui l’”incontro” con una zebra che ha lasciato il segno sul lato destro della vettura. L’importante risultato fu raggiunto nuovamente l’anno successivo e poi ancora nel 1991

Ci sarà spazio anche per qualcosa di nuovo, come l’Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio NRING, un caposaldo del nuovo progetto “Instant Classic”, teso a valorizzare quelle vetture di eccellenza che, grazie alle loro caratteristiche, rappresentano un investimento sicuro per chi ama il mondo dei motori.