Quando si parla di aerodinamica viene sempre in mente il giro che fanno le scuderie alla ricerca del massimo esperto del settore. Ma qualche volta, oltre all’aerodinamica che con le novità della FIA ha assunto un ruolo centrale, bisogna preoccuparsi anche della velocità di una vettura. 

Bene intervenire sugli alettoni, gli scarichi, il fondo e bene anche l’inizio degli studi per le modifiche all’aerodinamica ma la Rossa così com’è, non è da podio, anche se Alonso ha portato a casa il secondo posto in Spagna. Bisogna andare oltre.

Domenicali, durante un’intervista, si complimenta con Pastor Maldonado, la cui vittoria ha regalato al pilota ma anche alla squadra, una soddisfazione ed una gioia che mancavano da tempo. Poi però passa a parlare della F2012.

A Montecarlo la trazione sarà fondamentale e sarà altrettanto evidente che la vettura venuta fuori dai laboratori di Maranello è ancora deficitaria sotto questo aspetto. Secondo Domenicali la Rossa non è ancora abbastanza veloce e soltanto l’essere più veloci degli altri, aiuta a vincere il titolo iridato.

Il campionato, poi, quest’anno è molto equilibrato. Nella prima parte della stagione Alonso ha saputo lottare ad armi pari con il campione in carica ed il passo avanti fatto a Barcellona deve essere soltanto uno stimolo. Anche Massa, adesso, deve tornare in sé per aiutare la squadra a diventare leader nella classifica costruttori.