Il mondo dello sport è in lutto. In tutte le edizioni dei telegiornali, i servizi dedicati al pilota italiano sono celebrativi. Si ricorda un pilota talentuoso e sorridente.Due giri, sono bastati due giri per mettere fine alla carriera e alla vita del pilota italiano Marco Simoncelli che in Malesia aveva conquistato anche il titolo iridato nella categoria 250 nel 2008.

Gli interventi medici sono stati del tutto inutili. Sic è stato immediatamente trasferito nella Clinica Mobile ma ogni tentativo di rianimazione è stato vano e dopo quaranta minuti è stato confermato il decesso. Il padre di Simoncelli ha chiesto la donazione degli organi, impossibile perché il pilota è arrivato nell’ospedale sulla pista in arresto cardiocircolatorio.

Le immagini dell’incidente sono stampate nella mente di tutti i telespettatori del Gran premio malese. La telecamere è sulla coda della moto di Sic. Marco si allarga sulla destra ed esce dallo spettro visivo della telecamera.

Rientra subito dopo con una scivolata che descrive una traiettoria da sinistra verso destra. Simoncelli è in piegata ma sembra aver perso il controllo della sua Honda Gresini. Da dietro sopraggiunge Edwards che non riesce ad evitarlo. Poi Valentino Rossi che sembra falciare la cervicale del suo amico.

Rossi però non cade come Edwards e riprende la corsa percorrendo un tratto sull’erba. Sic rimane a terra, immobile. Ha perso il casco e l’impatto fa presagire le conseguenze più drammatiche.

Leggi il nostro speciale su Marco Simoncelli:

Addio Super Sic

La dinamica dell’incidente di Sic

Il racconto dei soccorsi

Chi era Super Sic

Il ricordo degli altri piloti


Il nostro ricordo di Simoncelli