Il circuito spagnolo di Aragon è stato pieno di sorprese. Si è imposto Stoner.

La Repsol Honda ha confermato la superiorità delle sue moto e dei suoi piloti con il secondo posto di Pedrosa.

Lorenzo, salito sul gradino più basso del podio si è tolto il cappello davanti all’australiano.All’indomani della gara spagnola, ogni pilota ha fatto le sue dichiarazioni alla stampa.

Casey Stoner che è stato il grande protagonista di Aragon ha detto che la vittoria è servita a dimostrare a tutti che non ha problemi di guida.

Ha vinto e lo ha fatto con due moto diverse. La gestione degli pneumatici è stata esemplare e questo gli ha consentito di resistere agli attacchi degli avversari accumulando 44 punti di vantaggio su Lorenzo.

Pedrosa, che del compagno di squadra ammira la tenacia, dice di non aver saputo valutare bene le gomme e di aver avuto problemi nella seconda metà della gara.

Per questo dopo aver inseguito Casey non ha potuto che arrendersi alla sua supremazia.

Lorenzo non è andato oltre il terzo posto e nella seconda metà di gara avrebbe voluto approfittare del guaio con le gomme dei Repsol Honda.

Ma non è stato abbastanza veloce e così ai microfoni dei giornalisti ha potuto soltanto riconoscere che il mondiale è nelle mani dell’australiano.