Sono giorni tristi per la  Dakar 2013 che miete l’ennesima vittima sulle strade sudamericane dopo l’incidente di due giorni fa tra due taxi e un mezzo di servizio. Thomas Bourgin (foto rhone-alpes.france3.fr) è  rimasto vittima di un incidente stradale mortale questa mattina, nel tragitto di trasferimento al via della speciale odierna. Il 25enne centauro francese, in sella alla KTM numero 106, si è spento alle 8.23 ora locale al km 237 della strada che collega la salita verso la Cordigliera cilena.

Secondo quanto riportato dagli organizzatori della corsa, Thomas si è scontrato con una vettura dei carabinieri cileni che stava sopraggiungendo. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente, sul quale è stata aperta una inchiesta. L’equipe medica giunta sul posto non ha potuto far altro che constatare la morte, probabilmente avvenuta sul colpo.

Thomas, nato a Saint Etienne il 23 dicembre 1987, era alla sua prima Dakar e occupava il 68esimo posto nella classifica generale. Ha sperimentato la sua passione nel 2009 al Rally del Marocco, e aveva conquistato il 4 ° posto della Race Africa nel 2011 prima di finire  settimo al Rally di Tunisia. Alla sua famiglia, ai suoi amici e all’intera carovana vanno le nostre più sentite condoglianze.

LINK UTILI:

Dakar 2013: quinta tappa alla Mini, tanti i ritiri

Dakar 2013 percorso: 8.400 chilometri tra deserti e imprevisti

Dakar 2013: al via 745 partecipanti di 53 nazionalità

Dakar 2013: Camelia Liparoti, la sfida di una fotografa su un quad

Dakar 2013: Miki Biasion “Parto per vincere la gara più umana del mondo”

 Dakar 2013: Marc Coma assente, la KTM punta su Castelli