Dopo aver lanciato la linea DS, Citroën propone un’alternativa alle solite berline compatte: C4 Cactus, un’altra vettura che punta a stupire per innovazioni e originalità. All’interno di un segmento C altamente competitivo l’ultima nata della casa francese punta a distinguersi per un design unico, capace di fondere essenzialità, funzionalità ed estetica.

La Cactus punta sul contenimento dei pesi e dichiara meno 200 kg rispetto alla C4 puntando su un’aerodinamica ottimizzata mentre alle dimensioni contenute (4,16 metri di lunghezza, 1,73 di larghezza e 1,48 di altezza) si aggiungono i 21 centimetri di altezza da terra che le garantiscono una maggiore mobilità in qualsiasi situazione pari a quella di un Suv. Previste quattro motorizzazioni: due benzina di 1200 cmc, il primo a tre cilindri da 82 CV e un altro 1200 turbocompresso da 110 CV, a cui si aggiungono due 1.6 turbodiesel, uno da 92 CV e l’altro da 100 CV. I consumi di carburante e le emissioni sono estremamente ridotti (3,4 l/100 km e 89 g di CO2/km per le versioni Diesel).

Di serie gli Airbump (piccole capsule d’aria in grado di attutire gli urti) che vanno a sostituire i tradizionali paraurti e rappresentano un’efficace protezione contro i piccoli danni legati alla guida di tutti i giorni. Con il vantaggio di non richiedere una particolare manutenzione contribuendo alla riduzione dei costi di riparazione della vettura. Citroën mira a liberare spazio per il guidatore e i passeggeri, aumentando comodità e benessere a bordo garantiti da un passo contenuto di 2,60 m, lo stesso di Citroën C4 (CLICCA QUI PER LA NUOVA C4 PICASSO) mentre il bagagliaio offre una capacità di carico di 358 litri. Al posto della tradizionale strumentazione sulla plancia la Cactus C4 presenta un’interfaccia 100% digitale con un display da 7 pollici.

Anche i tasti di comando sono sostituiti da un display touchscreen con cui si può regolare lo stereo, il climatizzatore, il navigatore satellitare e i diversi servizi di assistenza alla guida (dal Park Assist coadiuvato dalla telecamera di retromarcia fino all’Hill assist e alla funzione Cornering Light che aumenta la visibilità in curva). Sparisce anche la leva del cambio tradizionale che lascia spazio a un pulsante di selezione o alle palette al volante. La novità negli interni si applica anche ai sedili anteriori ispirati al mondo dei sofà. Erede di una concept datata 2007, sarà in vendita da settembre: il prezzo è ancora sconosciuto ma si annuncia altamente competitivo.

LEGGI ANCHE

Nuova Citroen C4 Picasso: prezzi, motorizzazioni e test drive

Citroën DS5 Hybrid4 prova: il test drive a passo di musica

Citroen Racing 2014: presentata la nuova stagione agonistica

Automotoretro 2014: tutte le informazioni utili per il Salone di Torino

Renault Scenic Cross X Mode: prezzo, foto e prova su strada