Un guasto elettrico ha reso impossibili i rilevamenti cronometrici durante le seconde prove libere del Gran Premio di Aragon, in Spagna.

Nella giornata di sabato i piloti sono chiamati a recuperare il tempo perso.

Il circuito di Aragon è stato paralizzato da un cortocircuito elettrico che ha fatto saltare anche il generatore lasciando senza elettricità tutto il paddock, impedendo di fatto ogni tipo di comunicazione, sia in termini di sicurezza che di cronometraggio.

Stop sia per il MotoGP che per la Moto2.

Un episodio singolare se si pensa che il Motorland Aragon è entrato a far parte del Motomondiale solo lo scorso anno ma si era subito aggiudicato il premio come miglior organizzatore di una gara mondiale.

Il guasto elettrico ha interrotto le attività negli uffici e nella sala stampa, ma ha interessato anche l’area della Direzione di gara e di conseguenza il servizio di cronometraggio.

Sabato i piloti saranno in pista perciò con mezz’ora d’anticipo. Il via delle seconde sessioni di prove libere sarà alle 9.35.

Nel frattempo si prende atto dell’ottima performance di Pedrosa che è stato il più veloce della mattinata, seguito da Lorenzo e poi da Stoner.

L’ambizioso Valentino Rossi finisce in ottava posizione, dietro il suo compagno di squadra.