All’Auto Shanghai 2019, Audi sta introducendo un concetto di mobilità pensato per le megalopoli del futuro: si tratta della showcar nota come Audi AI:me. Questa vettura offre dimensioni compatte, interni spaziosi e futuristici e la capacità di guida autonoma al livello 4. Ciò consente agli occupanti di fare ciò che vogliono con il loro tempo a bordo. Audi AI:me offre un’ampia gamma di funzioni high-tech per la comunicazione, l’intrattenimento o semplicemente per il relax.

La linea di carrozzeria dell’Audi AI:me dimostra come l’emozione e l’economia di spazio possano formare una sintesi perfetta in una vettura compatta dal cuore elettrico. C’è una ragione per cui è stato scelto il nome AI:me, che sottolinea la relazione con l’Audi AIcon, lo studio delle operazioni automatizzate a lunga distanza introdotto nel 2017, perché questa intelligenza artificiale crea un vero legame con l’utente a bordo del veicolo.

Ad ogni modo, con una lunghezza esterna di 4,30 metri e una larghezza di 1,90 metri, l’Audi AI:me ha le misure di un’auto compatta odierna. Tuttavia, l’interasse di 2,77 metri e l’altezza di 1,52 metri indicano dimensioni interne che sono più da classe superiore. Ciò è reso possibile dall’architettura del propulsore elettrico. Consente sbalzi brevi e interni di grandi dimensioni senza tunnel centrale.

La AI:me è stata concepita soprattutto per muoversi in città e per l’automazione. Per questo motivo è stata scelta la soluzione del motore elettrico singolo da 170 CV sull’asse posteriore, immaginando che gran parte dei suoi movimenti avverranno tra i 20 e i 70 km/h con accelerazioni e decelerazioni molto progressive, necessarie per il confort degli occupanti non coinvolti nella guida. Si presume che serva un’autonomia inferiore rispetto ad altre vetture, per questo vengono adottate batterie da 65 kWh, ma i consumi dovrebbe essere inferiori rispetto agli attuali standard.

La rivoluzione però risiede soprattutto nel rapporto tra la vetture e l’uomo. L’utente può comunicare tramite il tracciamento dello sguardo, con la voce e attraverso superfici tattili integrate nei pannelli porta: è inoltre presente uno schermo Oled tridimensionale lungo l’intero bordo inferiore del parabrezza. Si può interagire in modo del tutto naturale con la vettura.