Quello di Alex Zanardi Mario Balotelli sembrano due monti così lontani, ma le tante sfide che hanno dovuto superare accomunano in qualche modo due personaggi dello sport che stanno facendo la storia dell’Italia. Il campione bolognese (foto by InfoPhoto) racconterà la vita dell’attaccante del Milan nella prossima puntata di Sfide. Saranno ripercorsi i 23 anni di SuperMario vissuti tutti al massimo della velocità: dall’ospedale di Palermo in cui nasce fino all’esperienza attuale in rossonero.

L’adozione, la difficile integrazione, i primi calci al pallone, l’esordio da professionista a 15 anni e poi il trasferimento all’Inter e l’esplosione nella famosa partita di Coppa Italia contro la Juve. Legrottaglie e Birindelli ricorderanno quel giorno in cui Balotelli si rivelò al calcio italiano. Del centravanti più chiacchierato d’Italia parlerà anche Roberto Mancini, quasi un padre per lui, e Josè Mourinho, avversario in decine di duelli. 

Con le testimonianze degli amici, dei compagni di squadra e degli avversari, scopriremo aneddoti originali della vita di Balotelli: da come nasce l’idea di battere i rigori alle ‘balotellate’. Diamanti, compagno in nazionale, racconterà le loro avventure negli Europei 2012. La puntata si chiude con il racconto del  suo record dei 22 rigori segnati consecutivamente e la storia dell’ultimo portiere, Omar Rossetto, che prima di Giuseppe Reina, era riuscito a fermare Super Mario dal dischetto. “Perchè sempre io?” andrà in onda su Raitre lunedì 7 ottobre alle ore 23.10.

Paolo Sperati su @Twitter @Facebook