Combattivo come sempre e pungente più del solito. Si presenta così  Fernando Alonso (foto by InfoPhoto) alla 23esima edizione di Wrooom. Dopo  l’intervento di Stefano Domenicali, che ha elogiato ancora una volta il pilota asturiano della  Ferrari, tocca allo stesso campione di Oviedo lanciare il suo buono proposito per la stagione: “Sport vuol dire sacrificio, determinazione, piacere per quello che fai e nella passata stagione ho avuto la fortuna di lottare per risultati importanti. Già questa è una grande cosa”.

L’obiettivo resta sempre lo stesso, vincere: “Già da qualche anno arriviamo alla fine del campionato con un po’ di punti in meno. Non posso sapere cosa succederà, non ho alcun presentimento sull’anno migliore, ma posso dire che l’obiettivo è quello di vincere, vincere sempre. La fiducia nel gruppo è totale e lotterò per il titolo. Da quando sono alla Ferrari ho avuto la possibilità di arrivare per due volte su tre molto vicino ad essere campione del mondo, quello è il mio obiettivo e quello di una squadra come la nostra e spero di poterlo fare per la terza volta su quattro”.

Stavolta l’inizio di stagione dovrebbe essere più esaltante rispetto allo scorso anno: “Sono fiducioso di poter iniziare il campionato con una macchina migliore rispetto a quella che avevamo nei primi mesi dello scorso anno. Fu proprio nelle prime gare che perdemmo dei punti decisivi, quando avevamo una macchina che ci faceva finire settimi come in Cina o noni come in Bahrain. Il fatto di lavorare su una sola galleria del vento, quella Toyota a Colonia, potrà essere un piccolo vantaggio. Oggi mi vedo fare ciò che ho sempre apprezzato fare: correre e divertirmi”.

“Nando” ha speso belle parole soprattutto per Massa: “Ci aiutiamo continuamente l’un l’altro per il bene della Ferrari. Ho sempre detto che Felipe è uno dei migliori piloti al mondo, ma voi (rivolgendosi ai giornalisti, ndr) facevate facce strane e ve ne siete accorti solo alla fine della stagione passata. La competizione tra noi può solo fare bene, alzare il livello di entrambi”.

Giudicato positivamente anche l’arrivo di De la Rosa: “Quando ci sono degli innesti da squadre di alto livello è sempre importante. Pedro lavorerà principalmente sul simulatore, un’area su cui non eravamo all’altezza dei migliori e la sua esperienza sarà utile. Detto questo, non è che un pilota nuovo possa cambiare le cose o lo possa fare al simulatore: ci sono e ci saranno ancora degli arrivi più significativi che possono far crescere la squadra”.

Infine qualche parola su Twitter: “Mi piace raccontare a tifosi e fan la Formula 1 da dentro, almeno quello che non è segreto ed è possibile raccontare. Non voglio più che si scrivano cose finte e fantasiose su di me. Con Twitter sono io a dire cosa faccio e dove mi trovo”.

LINK UTILI

Wrooom 2013: annunciata la data di presentazione della F2013

Wroom 2013: Domenicali vuole una Ferrari migliore

Wroom 2013: ecco la nuova Ducati Desmosedici 

Wrooom 2013: prima conferenza di Dovizioso: “Non copieremo nessuno”

Wroom 2013: Hayden su Rossi: “Senza di lui ci sarà meno pressione”