Il nuovo cannibale, Sebastien Ogier, è ad un passo dal quarto mondiale consecutivo, forte del supporto dello squadrone Volkswagen, di una Polo R WRC decisamente in forma, e del suo talento cristallino.

Infatti, lo scorso weekend, il pilota francese ha trionfato nel rally di Francia, lasciandosi dietro il vincitore del rally d’Italia, Thierry Neuville, che ha provato a braccarlo con la sua Hyundai i20 WRC, ma non è riuscito nell’impresa di raggiungerlo nella classifica dei tempi.

Un altro alfiere della Volkswagen, Mikkelsen, ha agguantato il gradino più basso del podio, riuscendo a stare davanti all’altro pilota della Casa tedesca, Latvala, e rimanendo matematicamente in lotta per il titolo mondiale.

Rally decisamente poco felice per il velocissimo Kris Meeke, il quale ha dovuto dire addio alle sue speranze di podio dopo aver colpito un albero a causa di una nota sbagliata. E pensare che aveva messo in bacheca tre speciali..

Con 3 gare da disputare, il mondiale 2016 è una questione da gestire in Casa Volkswagen, ma francamente, con Ogier saldamente al comando e ben 68 punti di vantaggio nei confronti di Mikkelsen, i giochi sembrano ormai fatti, a meno di clamorosi colpi di scena.

Così, sono in molti ad attendere il 2017, quando le auto del mondiale riceveranno più cavalli rispetto alle attuali WRC e l’aerodinamica diventerà decisamente più esasperata. Certo, non sarà il ritorno del Gruppo B, ma ci si avvicinerà di più a quei mostri ancora indimenticati.