Vincere una prova del Mondiale Rally World RX è già di per sé impresa assai ardua anche se ovviamente qualcuno deve pur farlo nel vario percorso che conduce al titolo iridato, vincerne due significa fare selezione naturale tra i piloti rally e decretare chi possiede la stoffa del vero campione e chi no. Petter Sollberg (Foto: Facebook), vincendo in Portogallo in occasione della prima gara del Mondiale e il 9 agosto a Trois-Riviers, cittadina del Quebec a metà strada tra Quebec e Montrèal, indubbiamente ce l’ha.

Quella di Sollers, oltre che spettacolare e avvincente anche per i non appassionatissimi di questa disciplina rallystica, è stata una vittoria netta, schiacciante, inesorabile poiché l’ex campione iridato 2003 si è imposto nelle 4 prove del circuito urbano canadese vincendo 3 delle 4 heat del circuito di qualificazione, la propria semifinale e la finalissima sbaragliando con la sua Citroen DS3 la concorrenza e imprimendo un chiaro sigillo su questa settima tappa del Campionato Mondiale. Ora il norvegese è leader nella classifica generale conservando 20 punti di distacco su Toomas Heikkinen.

Da segnalare comunque anche l’ottima prestazione del 22enne  finlandese Anton Marklund sulla SuperCar Polo Volkswagen partito sottotono durante le qualificazioni ma poi distintosi in crescendo quando si è portato a casa d’autorità la propria semifinale e dando del filo da torcere nella finalissima allo stesso Sollberg. Il gradino più basso del podio invece è andato al campione europeo Timur Tmerzyanov su Peugeot 208 T16. Delusione per quanto riguarda il pilota di casa nonché ex campione di F1 Jacques Villeneuve che con la 208 T16 del Team Albatec non è riuscito a superare le fasi di qualificazione per un problema al serbatoio.

Grande attesa per il ritorno in Europa della prossima tappa del Campionato del Mondo FIA Rally Cross prevista per il weekend del 6-7 settembre a Lohéac in Francia.

LEGGI ANCHE

Peugeot Rally: mondiale Rallycross, la 208 T16 WRX in Canada punta al successo

Rallycross Hell 2014: Peugeot in Norvegia per la gara più combattuta

Peugeot Competition 2014: 208 T16 E 208 R2, Iraldi e Cogo tester per un giorno