La Williams ha fatto fuoco e fiamme in pista e fuori e senza troppe metafore. Il gran premio spagnolo passerà alla storia anche per l’incidente che nel paddock della squadra di Grove ha mandato letteralmente in fumo 3 milioni di euro.

Una macchina del rifornimento, o meglio la sua esplosione alle ore 16.52, due ore dopo la conclusione della gara spagnola, è alla base dell’incendio del box della Williams che ha fatto danni a cose e persone.

Gli individui coinvolti nell’incidente sono stati 31 ma tutti sono usciti dall’ospedale dopo poche ore, perché hanno riportato soltanto ferite di lieve entità. Al di là di questo particolare che comunque non è poco, Sir Frank ha dovuto fare l’inventario delle cose perse nell’incendio.

Sicuramente computer e attrezzature elettroniche di vario tipo, ma soprattutto la monoposto di Senna di cui non si possono nemmeno recuperare l’ala posteriore, completamente distrutta, e il cambio.

Alla fine della fiera si contano danni per circa 3 milioni di euro. Fortunatamente non mancano le mobilitazioni a favore della Williams, per esempio la McLaren ha già detto di metter a disposizione le apparecchiature necessarie alla squadra di Grove, almeno per l’appuntamento di Monaco.

Non si tratta certo di beneficenza visto che in Cina, la Red Bull Racing, ad esempio, ha inviato una fattura alla Lotus dopo l’incendio in Cina.