Adesso possiamo dirlo a gran voce: la Ferrari è sotto pressione e più lo diciamo, più aumenta il fiato sul collo di Alonso e del suo staff di tecnici. Si sa: se una squadra di calcio o una scuderia sono sotto pressione, le loro performance sono scadenti. 

In questo momento, con la vittoria di Vettel a Suzuka e con un piazzamento importante di Button, Hamilton e Raikkonen, Alonso e i suoi iniziano a temere di perdere la vetta della classifica piloti. Basta pensare che adesso Vettel è a soli 4 punti di distanza dall’asturiano di Maranello.

In più la Ferrari deve fare i conti una Red Bull completamente ritrovata. La RB8 si è riscoperta una macchina davvero veloce. La McLaren, invece, sa di essere un gradino sotto, di essere esclusa da questa lotta al vertice, e allora Whitmarsh prova un’altra strategia: aggiunge pressione all’avversario. Ecco la sua dichiarazione su Alonso e sulla Ferrari:

Penso che Fernando sarà tornato da Suzuka abbastanza scontento. Adesso è davvero sotto pressione, più da Sebastian che da noi, ma noi abbiamo comunque ridotto il nostro gap a 5 gare dal termine. In quest’ultimo week end la Red Bull era la macchina più forte. Noi eravamo da seconda fila. Non è stata la nostra performance migliore. Adesso dobbiamo guardare a quanto fatto, concentrarci sulla macchina e dare il massimo in Korea. Entrambe i nostri piloti sono in grado di vincere delle gare delle cinque che rimangono.