La Volvo vuole entrare nella partita e sedersi al tavolo dei costruttori premium per giocare la sua mano; per questo, dopo la XC90, cala un altro asso, che risponde al nome di S90, la berlina premium con cui si confronterà con le rivali teutoniche, proprio nel segmento in cui sono più agguerrite.

Infatti, non è un caso che al salone di Detroit se la vedrà proprio con una delle migliori della categoria, ovvero la Mercedes Classe E, che arriverà in una veste completamente rinnovata. Ma se la berlina della Stella a Tre Punte avrà un’aria familiare, per via di quel family feeling che la lega alla Classe S ed alla Classe C, la S90 si differenzierà dalle altre proposte del Costruttore svedese, soprattutto per una linea del posteriore molto ardita.

Chiaramente, oltre all’aspetto, che risulta molto curato in ogni dettaglio, è la dotazione tecnologica a fare la differenza su auto del genere. Così, ecco che debutta sulla S90 il Pilot Assist, un dispositivo che mantiene l’auto nella sua corsia di marcia entro i limiti di velocità in vigore sulle autostrade. Non si tratta di pilota automatico vero e proprio ma ci si avvicina molto.

Altro strumento interessante è il large animal detection, che aiuta ad evitare l’impatto con animali di grande taglia, soprattutto con le alci, che sono molto diffuse nei paesi scandinavi. In caso di necessità, il sistema avvisa il guidatore, ma poi, per scongiurare un eventuale impatto, interviene sui freni.

Per quanto riguarda i motori, questi sono tutti 2 litri, a quattro cilindri, sovralimentati, e alimentati sia a benzina che a gasolio. Tra le unità a benzina annoveriamo la T6 AWD che eroga 320 CV e 400 Nm di coppia, grazie all’apporto del compressore volumetrico e del turbo; e la T8 Twin Engine AWD ibrida plug-in, capace di erogare ben 407 CV e 640 Nm di coppia massima.

Tra i modelli diesel ci saranno, al momento del lancio, la D4, da 190 CV e 400 Nm e la D5 AWD, capace di erogare 235 CV e 480 Nm. Per quanto riguarda le trasmissioni delle Volvo in questione, queste sono tutte automatiche ad 8 rapporti, eccezion fatta per la D4 che è equipaggiata con un cambio manuale a 6 marce.