Volvo ha annunciato la sua idea riguardante la guida autonoma, presentando al mondo il Concept 26, che trae il proprio nome dai 26 minuti che costituiscono il tempo di percorrenza del tragitto medio giornaliero di chi si reca al lavoro in auto.

“Ci occupiamo sempre delle persone. La nostre ricerche dimostrano chiaramente che alcuni clienti preferirebbero usare il tempo che trascorrono in coda a bordo dell’auto in maniera più creativa, avendo a disposizione una funzione di guida autonoma completa, mentre altri semplicemente si rilasserebbero e riposerebbero, magari guardando i giornali on line o ascoltando musica. La guida autonoma renderà possible tutto ciò. Ed è quello che Concept 26 racchiude e rappresenta, ripensando e ridefinendo l’intera esperienza in auto”, ha detto Robin Page, Vice President Interior Design di Volvo Cars.

Il concetto di design di sedile completamente innovativo, che “culla” il guidatore nella fase di trasformazione in una delle tre modalità: Drive, Create o Relax. Con queste tre modalità si crea una nuova piattaforma di innovazione per la guida autonoma in grado di adattarsi nel tempo a nuove tecnologie o a nuove necessità.

Concept 26, in sintesi, consente a chi vuole di delegare all’auto la funzione della guida. Il sedile si reclina, il volante si ritrae e di fronte al driver arriva un grande display sulla plancia, per fare quello che si preferisce.

“Abbiamo fatto molta strada nel cercare di capire le sfide e le opportunità che le auto a guida autonoma porteranno ai clienti negli anni a venire. Il nostro approccio progettuale assai versatile dal punto di vista ingegneristico e di design, reso possible dalla nostra nuova Architettura di Prodotto Scalabile (SPA), significa che possiamo oggi davvero trasportare tutto questo dalla teoria alla realtà,” ha commentato Peter Mertens, Senior Vice President Ricerca e Sviluppo di Volvo Car Group.

Il progetto di ricerca di Volvo Cars, definito Drive Me, prevede l’arrivo di vetture a guida autonoma in grado di trasportare clienti reali sulle strade di Goteborg nel 2017.