Il downsizing finisce sul banco degli imputati, almeno secondo Volkswagen. Il costruttore tedesco, ancora alle prese con gli strascichi legali e d’immagine dello scandalo delle emissioni truccate, è il primo costruttore ad esporsi pubblicamente contro la riduzione delle cilindrate che ormai imperversa da alcuni anni nel mondo automobilistico.

A fare un passo indietro è stato Herbert Diess, membro del consiglio d’amministrazione Volkswagen che ha parlato in occasione del lancio della nuova Volkswagen Golf. Diess ha puntato il dito contro il downsizing dicendo senza mezzi termini che l’uso di motori più cubatura ridotta porta a un aumento delle emissioni, contrariamente a quanto invece l’industria dell’auto ha dichiarato fino a poco tempo fa.

Le dichiarazioni dell’alto dirigente tedesco confermano quindi le impressioni dei tanti automobilisti che quotidianamente hanno potuto verificare le discrepanze, a volte davvero molto alte, tra i consumi rilevati in fase d’omologazione e quelli reali. Nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa britannica, Diess ha spiegato:

Il ciclo NEDC attualmente in vigore in Europa richiede uno “sforzo” minimo al propulsore (al di sotto dei 20 cavalli di potenza, ma il valore può variare molto in rapporto al tipo di veicolo) e questo favorisce clamorosamente i motori più piccoli. Nella guida su strada, però, dove serve più potenza, il turbocompressore si trova costretto a lavorare di più per compensare la ridotta cubatura. Tutto ciò porta ad un innalzamento delle temperature, che vengono tenute sotto controllo con un aumento d’iniezione di benzina. Da qui consegue l’innalzamento delle emissioni di CO2, degli ossidi di azoto, dei gas incombusti, del particolato e del monossido di carbonio, oltre che, com’è ovvio, dei consumi.

Secondo Volkswagen, la strada per una vera mobilità ecocompatibile passerà quindi nei prossimi anni per l’elettrificazione delle vetture e non per la riduzione delle cubature dei propulsori termici tradizionali. I piani del costruttore, che ha in gamma il piccolo 1.0 tre cilindri a benzina, vedranno un uso molto più limitato del downsizing, che difficilmente sarà applicato a vetture più grandi di citycar e utilitarie compatte.