Volkswagen dovrà tornare nelle aule di tribunale. Dopo il maxi scandalo legato all’alterazione delle emissioni inquinanti, il gruppo di Wolfsburg dovrà risolvere un contenzioso nato dalla richiesta di un suo ex dipendente. Wolfang Schreiber, ex top manager del Gruppo Volkswagen, avrebbe portato in tribunale una causa da diverse decine di milioni di euro. Il motivo? Schreiber chiede un risarcimento per il ruolo avuto nello sviluppo del cambio a doppia frizione.  Secondo quando riportato dal settimanale tedesco Der Spiegel, l’ex manager avrebbe rifiutato un’offerta da 20 milioni di euro proposta da Volkswagen e la causa depositata al tribunale di Monaco verterebbe su un “compenso adeguato”.

Assunto dal Gruppo Volkswagen nel 1984, Wolfang Schreiber è stato responsabile dello sviluppo delle trasmissioni dal 1996 al 2003. Passato in Bugatti dove è stato responsabile dello sviluppo fino al 2011, dal 2012 al 2014 è stato a capo di Bentley, per poi essere sostituito da Wolfgang Duerheim.

Abbinato a milioni di veicoli del Gruppo Volkswagen, la trasmissione DSG è ad oggi uno dei cambi a doppia frizione più performanti sul mercato e viene venduta in tutto il mondo. Oltre all’indiscrezioni arrivate dal settimanale tedesco, anche fonti interne hanno confermato la richiesta formale di risarcimento senza però fornire ulteriori dettagli sul risarcimento richiesto dall’ex top manager.