La Volkswagen studia in grande e, ovviamente non può non guardare con un occhio di riguardo il mercato cinese, una piazza in costante espansione. Per questo al salone di Shanghai farà bella mostra di se la C Coupè GTE Concept.

Si tratta di un modello che rispecchia i gusti della clientela premium orientale, quindi una berlina, seppur con l’accento sportivo, non a caso nel nome c’è la sigla coupè, che vanta una lunghezza superiore ai 5 metri. Nonostante questo però, almeno sul concept, l’abitabilità è solamente per quattro persone. Una soluzione dettata dalla ricerca di una comodità assoluta, ottenuta mediante 4 sedili singoli.

L’auto in questione ha le dimensioni di un’ammiraglia, un posteriore molto caratterizzato per via dei montanti inclinati con il lunotto che scende alla stregua di una sportiva, ma il suo passo di 3.014 mm, le consente di avere un abitacolo spazioso.

Sotto pelle troviamo un sistema propulsivo ibrido plug-in formato da un propulsore TSI quattro cilindri ad iniezione diretta, accoppiato ad un motore elettrico integrato nel cambio automatico ad 8 rapporti con batterie agli ioni di litio alloggiate nella parte posteriore della vettura.

La potenza complessiva è di 250 CV, mentre la coppia massima risulta di 500 Nm. Inoltre, la Volkswagen in questione consente di ricaricare le batterie dell’unita ad emissioni zero sia durante la marcia, come tutte le ibride, sia a vettura ferma, utilizzando una comune presa della corrente.

Ne consegue che la C Coupè GTE Concept può percorrere fino a 50 km ad impatto zero, con il solo motore elettrico, con una velocità massima che può arrivare a 130 km/h, mentre in modalità ibrida l’autonomia si estende fino a 1.100 km e l’auto può toccare una punta velocistica di 232 km/h.

Chiaramente, si tratta di un modello da salone, ma sia la tecnologia presente che le linee non sono troppo distanti da quelle di una vettura di serie, quindi potrebbe realmente prefigurare un nuovo arrivo nel mercato cinese firmato Volkswagen.