La settima generazione di Volkswagen Golf nel luglio del 2019 si appresterà a lasciare il posto all’ottava serie, che sarà più brillante, più leggera e tecnologica, dopo oltre sette anni di onorata carriera. Nel frattempo però da Wolfsburg sono pronti a regalare un’ultima strabiliante versione di questa leggendaria berlina compatta, un canto del cigno degno del suo nome. Stiamo parlando della Golf GTI TCR, una serie speciale ispirata al campionato TCR, una disciplina a cui partecipano le versioni modificate di auto stradali e di cui anche la compatta di Wolfsburg dice la sua. Il progetto di questa serie speciale è stato mostrato a maggio in occasione del raduno Wörthersee (il più grande raduno di Golf al mondo, che avviene in Germania), ma secondo le anticipazioni raccolte dal settimanale inglese Auto Express, la Casa tedesca sarebbe quasi pronta a far partire le vendite: l’arrivo nei concessionari è preventivato entro fine 2018.

La Volkswagen Golf GTI TCR dovrà fronteggiare sul mercato rivali agguerrite come Seat Cupra R, Honda Civic Type R e Renault Megane RS. Per spiccare rispetto alle altre avrà a disposizione un motore 2.0 TSI derivato dalla Golf GTI Performance, che invece di sviluppare 245 CV di potenza raggiunge i 290 cavalli. Le prestazioni garantite saranno di primo piano, con un pacchetto sportivo capace di regalare emozioni a trecentosessanta gradi. Su questa versione verrà utilizzato il cambio automatico con doppia frizione a 7 marce, mentre la trazione resta sulle ruote anteriori, a differenza di quanto visto sulla Golf R da 310 CV che ha le quattro ruote motrici. La Golf GTI TCR avrà di serie un pacchetto di tutto rispetto, con nuovi cerchi in lega di 18″, un sistema di raffreddamento potenziato, l’impianto di scarico sportivo e il piccolo alettone posteriore, capace di incollare l’auto a terra sfruttando i flussi d’aria. Le prestazioni pare mettano in risalto una velocità massima di 265 km/h, qualora si chieda come optional l’eliminazione del limitatore di velocità. Come canto del cigno a Wolfsburg hanno pensato a dei veri fuochi d’artificio.