L’approdo di Maverick Viñales in Yamaha era nell’aria da tempo. Ma alla vigilia del GP d’Italia al Mugello è arrivata l’ufficialità. Il pilota spagnolo lascerà Suzuki a fine stagione e diventerà compagno di Valentino Rossi nella casa dei tre diapason.

Nella serata di mercoledì 18 maggio Suzuki ha diffuso una nota nella quale conferma che Viñales lascerà il Team SUZUKI ECSTAR a fine stagione. Questa la nota diffusa dal team diretto da Davide Brivio: “Suzuki Motor Corporation annuncia che la sua collaborazione con Maverick Viñales terminerà al termine della stagione MotoGP 2016. Tutta la famiglia Suzuki è estremamente grata a Viñales per il suo contributo nella crescita del progetto MotoGP e nello sviluppo della GSX-RR, così come per i grandi risultati raggiunti insieme (il primo podio è arrivato a Le Mans, ndr). Nella stagione 2016 ancora in corso, team Suzuki ECSTAR e Suzuki Motor Corporation continueranno il loro sostegno incondizionato a Maverick, in attesa di risultati ancora migliori nelle rimanenti gare della MotoGP. Auguriamo tutto il meglio per Maverick Viñales per un futuro brillante e di successo.”

Qualche ora più tardi, il Team Movistar Yamaha ha ufficializzato l’ingaggio di Vinales: “E’ con grande piacere che Yamaha Motor Co., Ltd annuncia la firma di Maverick Viñales a guidare per il team Movistar Yamaha MotoGP nel 2017 e il 2018 - annuncia la nota della casa di Iwata -. Viñales, che è attualmente 5° nella classifica di campionato della MotoGP, sarà il compagno di squadra del 9 volte Campione del Mondo Valentino Rossi, il cui rinnovo del contratto è stato già annunciato nel marzo di quest’anno”.

L’arrivo di Viñales in Yamaha potrebbe creare qualche grattacapo a Rossi, come anticipato da Guido Meda: “Sarebbe potuto diventare un mito per la Suzuki ma ha sposato l’idea di andare in Yamaha accanto a Valentino Rossi, una scelta assolutamente comprensibile. Il rapporto con Rossi? Bisognerà vedere come conviveranno. Di solito Valentino è sempre molto accogliente con i ragazzini, però poi nel momento in cui Maverick dovesse mettergli le ruote davanti non so come sarà…Se Viñales è furbo dovrà essere una spugna, come Bulega per esempio, dovrebbe mettersi a osservare Rossi e imparare”.

In attesa di vedere come sarà il rapporto tra il veterano del Mondiale e l’astro nascente spagnolo il puzzle della MotoGP 2017 inizia a completarsi. Dopo la conferma di Pedrosa in Honda, di Dovizioso in Ducati e l’arrivo a Borgo Panigale di Jorge Lorenzo, dovrebbe essere proprio Andrea Iannone a trasferirsi in Suzuki.