Il team manager della Red Bull, Christian Horner, ha dichiarato al giornale The Guardian che il pilota tedesco, Sebastian Vettel, la stagione scorsa valutò il ritiro dalle competizioni della Formula Uno. L’attuale pilota della Ferrari, sostituto di Fernando Alonso, meditava il ritiro dopo che il periodo d’oro, 2010-2013, si era concluso e i suoi sogni e le sue illusioni vennero infrante dalla realtà della F1.

“L’ho visto preoccupato dal vedere il compagno di squadra vincere tre gare, è stato come se qualcuno gli avesse portato via il suo giocattolo. C’è voluto tempo per affrontare questa situazione, e credo abbia attraversato un periodo di grande disillusione nei confronti di quella Formula Uno che aveva amato tanto” – Horner continua dichiarando: “I quattro anni precedenti erano stati un successo di grandissima portata e poi improvvisamente tutto è cambiato. Seb (riferendosi a Sebastian Vettel, ndr) si è posto delle domande, e ad un certo punto è tornato alle origini, guidando un kart a metà della scorsa stagione per ritrovare gli stimoli per cui era diventato un pilota da Gran Premio, e ritrovare quella passione che lo ha sempre caratterizzato”.

Sono parole forti, quelle dell’ex team manager di Vettel, rivelate al The Guardian. Il pilota non ha mai amato il nuovo regolamento ma le affermazioni di Horner, riguardanti, addirittura, il suo possibile ritiro durante la scorsa stagione, sono sorprendenti. La nuova avventura con il Cavallino ha riportato stimoli e morale a Vettel, ed è sicuramente questo quello di cui aveva bisogno per rimanere concentrato solo sui motori. La nuova stagione è alle porte e forse, quella di Horner, è una strategia per distrarre il campione tedesco dalle corse. Spetta, adesso,  a Vettel rispondere ma nei test invernali.

Photo credits: Shutterstock