Se si tratta di essere i più veloci in un circuito in cui non ci sono molti spazi per i tatticismi, allora suona il campanello della Red Bull e Vettel non manca certo l’appuntamento. In fondo in Canada vuole vincere anche lui, benché la lotta per il primo posto sia molto agguerrita. 

Vettel ha conquistato la pole position canadese ed è rientrato a gran forza negli annali della Formula 1, visto che ha portato a casa la pole position numero 32 in carriera. Nella lista dei record di tutti i tempi, il giovane tedesco ha eguagliato i successi di Nigel Mansell.

Vettel ha messo tra sé ed Hamilton ben tre decimi di secondo ed ha operato, è proprio il caso di dirlo, sulla pista, tagliando bene le curve e guadagnando molto nei lunghi rettilinei che caratterizzato il tracciato canadese.

Quindi al secondo posto si è piazzato l’anglocaraibico che è arrivato in pista con un solo set di supersoft e non ha potuto attuare una strategia utile a battere l’avversario di giornata. Alonso, invece, si è fatto superare da Hamilton proprio nell’ultima parte del tracciato.

Il ferrarista è partito dalla terza posizione me a confermare lo stato di gloria della Ferrari è bastato il sesto posto di Massa nel sabato canadese.