Sebastian Vettel ha avuto problemi con la vettura proprio durante i test e non tutti questi acciacchi tecnici sono stati risolti visto che durante il Gran Premio di Melbourne non si è potuto esprimere al massimo. Vettel è arrivato secondo, tra i due uomini McLaren e questo fa pensare che nel 2012 il giovane pilota tedesco della Red Bull dovrà difendere con le unghie e con i denti il titolo iridato.

I più scettici hanno detto che se non fosse entrata la safety car per rimuovere la vettura di Petrov, Vettel sarebbe rimasto in terza posizione se non più indietro. Invece “l’annulla distacchi” ha funzionato! Tra normativa e regolamenti, la F1 è cambiata e non tutti i piloti sembrano pronti.

Vettel, la cui prova resta comunque interessante, ha detto che è soddisfatto di quanto ha potuto dimostrare in Australia ma guarda con preoccupazione il vantaggio degli avversari, quello di Button che lo ha preceduto e quello di Hamilton che comunque si aggiudicato terzo posto e pole position.

Secondo Seb la McLaren ha ancora qualcosa in più e a Sepang i possibili usurpatori del suo trono dovrebbero uscire allo scoperto. La Red Bull, al momento, è all’inseguimento della McLaren. Button è stato il migliore, dice Vettel che si accontenta di aver battuto un osso duro come Hamilton.