Sebastian Vettel non passerà una domenica comune questo weekend, nonostante non sia impegnato con la Ferrari in formula 1, scenderà in pista, a fianco di un giovane pilota, per consigliarlo e supportarlo. Di chi parliamo? Del figlio di Michael Schumacher, Mick, che prenderà parte alla Formula 4 tedesca nella pista di Oschersleben.

Il figlio d’arte, avrà una pressione che grava su di lui come un macigno, il suo cognome incute rispetto, ma suscita grandissime aspettative, per cui adesso non può più nascondersi come ha fatto fino ad ora utilizzando il cognome della madre per correre in kart.

Il ragazzo sta per diventare uomo, e per questo ha bisogno di un maestro capace di dargli le giuste direttive, lo stesso che a sua volta fece suoi i consigli del fenomeno di Kerpen. “Conosco già molti ragazzini che corrono in F4, ha spiegato Vettel, da qui si inizia a fare sul serio. Proverò, nel limite del possibile, a dargli dei consigli. Il primo che darò a Mick è quello di divertirsi, a 16 anni è la cosa più importante da fare”.

Ma il giovane figlio d’arte avrà altri obiettivi, soprattutto se ha ereditato parte del carattere dell’illustre genitore, per cui punterà dritto alla vittoria. Anche Vettel all’epoca corse in F4, ma nonostante il suo proclamo orientato al divertimento, lui non scherzò affatto, facendo incetta di successi nel campionato tedesco che segna il passaggio dalle monoposto ai kart, un passo fondamentale per la vita di ogni pilota, perché racconta se si ha la stoffa per andare oltre e puntare, un domani, alla formula 1.

“Ricordo bene i primi anni in monoposto e devo molto all’ADAC per questo. Per me fu un momento fantastico”. Come dargli torto, visto che si aggiudicò ben 18 gare sulle 20 in calendario? Ecco, i campioni si vedono da questi particolari, dalla loro capacità, sin dalle categorie minori di puntare al massimo risultato e di schiacciare gli avversari. Chissà se avrà detto anche questo al giovane Mick? Ad ogni modo vedremo se il giovane Schumacher sarà in grado di ripercorrere le orme paterne e magari, un giorno, di approdare alla Ferrari.