In concomitanza con il lancio della produzione della nuova Porche 911 è stato avviato nelle fabbriche interessate da questo veicolo, un nuovo processo di verniciatura destinato a fare scuola.La Porche 911 può dare lezioni alle altre automobili di pari categoria sotto diversi punti di vista.

Adesso infatti, la Porche, in contemporanea al lancio della 911 è diventata l’emblema della sostenibilità ambientale per un nuovo processo legato alla verniciatura.

In pratica gli impianti produttivi della Porche 911 sono stati dotati di un reparto verniciatura molto tecnologico e all’avanguardia in cui si proteggono gli operai dalle polveri sottili e non solo. Anche le emissioni di materiali inquinanti sono ridotte al minimo.

In pratica con il nuovo processo è stato possibile non costruire una ciminiera nella fabbrica deputata all’espulsione di materiali inquinanti. Il ricircolo d’aria poi, garantisce un consumo di energia inferiore agli standard.

Il nuovo reparto di verniciatura è stato costruito nello stabilimento di Zuffenhausen: 192 metri di lunghezza e 52 di larghezza.

Per costruirlo ci sono voluti circa 200 milioni di euro ma adesso numerose linee sono ecologiche dalla nascita. Il modello 911 come già detto ma anche la Boxster e la Cayman.

Ancora una volta la Germania vuole essere ad un livello di eccellenza nel comparto automobilistico.