Mazda è rimasta una delle case automobilistiche con la più rapida crescita in Europa nel terzo trimestre, aumentando le vendite del 29% anno su anno ed estendendo la sua striscia di crescita a 12 trimestri consecutivi. Il marchio giapponese ha venduto poco meno di 60.000 veicoli tra luglio e settembre, superando facilmente un mercato complessivo che è aumentato del 10,6% nel periodo e portando la propria quota di mercato al 1,7%.

In tal modo, Mazda ha registrato incrementi a due cifre in almeno 15 mercati nazionali e la crescita netta praticamente in ogni paese. Ad aprire la strada sono stati i Paesi Bassi, dove le vendite di Mazda sono più che raddoppiate rispetto all’anno precedente (+121%), la Turchia (+111%), Portogallo (+68%), Slovenia (+68%) e Francia (+62%), mentre l’Italia, la Spagna, Svezia e Svizzera hanno riportato circa il 50% di aumenti. Le vendite in due mercati principali di Mazda, nel frattempo, sono aumentate del 27% (Regno Unito) e il 17% (Germania).

La cosa molto incoraggiante è che continuiamo a fare guadagni in aree geografiche e in tutta la nostra nuova generazione – le parole del Vice President Sales di Mazda Europe, Martijn ten Brink - la quarta generazione di MX-5 è stata una sorpresa positiva”.

La nuova Mazda CX-3, lanciata nel giugno, è anche in testa alle vendite, contribuendo quasi con 10.000 unità nel solo terzo trimestre, mentre il Mazda2 è salito del 90% nell’ultimo trimestre rispetto all’anno precedente. In caso contrario, la Mazda CX-5 continua a consolidare la sua posizione tra gli europei come i modelli popolari Mazda3 e Mazda6.

In corso il riconoscimento per la generazione attuale modello della società ha indubbiamente contribuito al suo successo in Europa. In Germania, per esempio, Mazda era il numero uno globale in due recenti sondaggi di alimentazione di JD – 2015 veicoli Affidabilità Studio e il 2015 Customer Satisfaction Index – ricevendo anche ottimi voti per i diversi modelli della GTÜ Gebrauchwagen 2016 utilizzati rapporto auto. Mazda dice che è sulla buona strada per vendere al di sopra di 200.000 veicoli nel 2015, con un incremento di oltre il 15% rispetto all’anno precedente.