Skoda ha annunciato i dati di vendita per il 2015, anno che ha visto la casa boema consegnare 1,06 milioni di vetture per un aumento dell’1,8%.

Per la precisione, il 2015 si è chiuso con 1.055.500 di vetture immatricolate, a fronte di un 2014 che ne aveva registrate 1.037.200. Il mese migliore è stato dicembre, che ha fatto registrare un nuovo record con 86.600 consegne, per un +5,7% rispetto al medesimo mese dell’annata passata: “Nel 2015 ŠKODA ha dimostrato forza in mezzo a un difficile contesto di mercato – afferma Bernhard Maier, Presidente di Skoda Auto - l’attuale gamma di modelli della Marca sta riscuotendo successo tra i Clienti di tutto il mondo, grazie alle linee stilistiche rinnovate e moderne, all’innovativa tecnologia e all’offerta di dettagli intelligenti per la vita quotidiana. La precedente offensiva di prodotto ha permesso di espandere e rinnovare i modelli offerti. Quest’anno entreremo in una nuova fase, che prevede, tra le altre cose, il rafforzamento della nostra presenza nel segmento dei SUV”.

La crescita principale Skoda l’ha registrata in Europa occidentale e centrale, grazie anche a nuovi lanci di prodotto come la Fabia hatchback e Fabia Wagon, disponibili sui mercati dai primi mesi dell’anno, seguite a metà anno dalla nuova ammiraglia, Superb, berlina e Wagon: “La nuova Superb è il culmine della nostra offensiva di prodotto attuale. Questo modello sta portando la Marca in una nuova dimensione in termini di design, tecnologia e comfort. Siamo lieti che la domanda dei consumatori europei per la nuova ammiraglia abbia superato in modo significativo le nostre aspettative” commenta Werner Eichhorn, Membro del Consiglio di Amministrazione Skoda con Responsabilità per Marketing e Vendite.

La crescita principale, dicevamo, è avvenuta in Europa occidentale e centrale, dove l’azienda boema registra un +4,3%. Bene la Germania (158.700 immatricolazioni, +6,2%), Portogallo (3.100 veicoli, +30,7%), Spagna (22.100 vetture, +24,1%), Svezia (15.100 unità; +10,9%) e Irlanda (7.900 veicoli; +25,1%).

Per quanto concerne il mercato italiano, l’anno si è chiuso con 16.600 veicoli consegnati e un aumento del 16,8% rispetto all’anno precedente.