Accordo raggiunto tra Mitsubishi Motors e l’Arma dei Carabinieri, la casa automobilistica nipponica fornirà 23 autovetture a trazione elettrica grazie all’importante contributo del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

All’Arma dei Carabinieri va il merito di aver voluto sostenere i temi ecologici e di eco compatibilità nello svolgimento del suo ruolo principale. Le vetture i-MIEV verranno utilizzate dall’Arma per svolgere i propri compiti Istituzionali nei centri storici delle grandi metropoli, nelle isole e nell’area “free gas” dell’Expo 2015.

I veicoli i-MIEV (acronimo per Mitsubishi Innovative Electric Vehicle) sono il frutto del lavoro e dell’esperienza nel campo della mobilità elettrica della casa giapponese. La vettura vanta un’autonomia di circa 160 km a zero emissioni, con tempi di ricarica che vanno dai 30 min. di ricarica rapida per l’80% del pacco batteria alle 6-8 ore (in dipendenza dell’amperaggio) per la carica completa da una qualsiasi presa elettrica a 220V.

Una sinergia che fa fare un passo in più verso l’ecologia ambientale in Italia, ed è fondamentale che il buon esempio lo dia il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e l’Arma dei Carabinieri, anche in vista dell’EXPO 2015.

LEGGI ANCHE:

Elettriche Renault: alla scoperta dell’Umbria con Twizy e Zoe

Tesla Motors: Elon Musk dichiara “open source” i suoi brevetti

Moto elettrica: Johammer, una due ruote che somiglia a un bruco

Auto elettriche: stop della Cina alla produzione delle batterie