Valentino Rossi fa sempre così, si lamenta, si lamenta ma durante l’intero fine settimana è in grado di crescere molto. Non a caso i numeri parlano chiaro, è uno dei piloti che ha fatto registrare le rimonte maggiori. Tardano invece i risultati sperati.

La Ducati fatica a trovare l’assetto giusto della moto per Valentino Rossi. Così il campione pesarese è ancora costretto a stare alla ruota dei migliori. Ha ottenuto qualche buon piazzamento ma questo non basta a farlo tornare alla ribalta.

Tant’è che Rossi e la Ducati non si preoccupato più di inseguire Casey Stoner ma preferiscono gettare lo sguardo al futuro e lavorare sulla moto della stagione 2012. Una due ruote con la quale è necessario trovare subito il feeling giusto.

Stoner ha vinto troppo e adesso è arrivato il momento di gettare la spugna e non perdere tempo ad inseguirlo.

È vero che mancano 4 gare che alla fine sono ben 100 punti in palio per i primi classificati, ma mettere in discussione il primato del pilota Honda, adesso, sembra impossibile.

Queste ultime parole arrivano invece da Lorenzo, che un po’ si allinea ai discorsi di Rossi, pur non avendo niente da eccepire sulla sua moto.

Un filo di tristezza nel ritrovarsi all’inseguimento per il maillorchino ma anche una sana dose di realismo.