Il weekend del rally dell’Adriatico ha visto Peugeot conquistare l’ottavo titolo costruttori nel Campionato Italiano Rally (QUI IL REPORT). Per la casa francese la soddisfazione di vedere la Peugeot 208 R2 del giovane Giacomo Scattolon vincere il tricolore Junior e la Peugeot 207 S2000 del veterano Renato Travaglia, laureatosi campione del Trofeo Rally Terra. 

A differenza di Scattolon, Travaglia ha esordito nella specialità nel lontano 1987 nel Rally di Asiago, gli stessi anni in cui muoveva i suoi primi passi Paolo Andreucci. Al suo attivo ha 206 partenze nei rally e un ricco palmares tra cui un doppo titolo nel 2002 con la Peugeot 206 WRC con cui si aggiudicò CIR ed ERC. Quasi trent’anni dopo si conferma l’uomo da battere sugli sterrati.

Al Rally dell’Adriatico, penultimo atto della serie nazionale, il portacolori della scuderia siciliana Island Motorsport ha calato il poker inanellando quattro vittorie consecutive in altrettanti appuntamenti del TRT. E’ stato in testa dalla prima all’ultima prova speciale vincendo dieci delle undici frazioni cronometrate della prova marchigiana. In coppia con il toscano Giacomo Ciucci, il 48enne pilota di Cavedine ha portato la Peugeot 207 S2000 curata dal team Munaretto anche nella lotta per le posizioni da podio assoluto della gara valevole per il CIR.

“E’ stata una gara dura, veloce e dallo splendido epilogo – ha dichiarato Travaglia -. La dedico a Fulvio (Garajo, ndr). Il presidente da tanti anni crede in me e in qualche modo l’ho ripagato di tanta fiducia. Insieme, siamo riusciti a portare a casa questo campionato”.

Foto sito ufficiale acisportitalia

LEGGI ANCHE

Rally del Friuli 2014: dominio Andreucci e doppio successo Peugeot

Peugeot 208 T16 test drive: l’indomabile Leone di Andreucci

Peugeot 208 R2 test drive: Leonardo.it prova l’auto di Albertini

Peugeot 208 R2: il video di Leonardo.it

Andreucci-Andreussi coppia vincente, l’intervista di Leonardo.it

Peugeot alla Dakar: il Leone tornerà a ruggire dopo 25 anni