La Toyota, dopo aver vinto il mondiale WEC, ovvero quello destinato alle vetture che prendono parte alle gare di durata, si appresta partecipare ai test collettivi in programma sul circuito del Paul Ricard, ma prima ha svelato l’aspetto della sua arma per il 2015, ovvero la TS040 Hybrid.

Sostanzialmente l’auto è un’evoluzione della vettura vincente dello scorso anno, per questo gli uomini della Casa giapponese hanno preferito mantenere la configurazione 6MJ per il sistema ibrido, piuttosto che puntare su un incremento ad 8MJ.

Questo non vuol dire che l’auto non sia stata modificata in profondità, come afferma Hisatake Murata: “abbiamo fatto un grande sforzo per l’aggiornamento di tutta la vettura, compreso il propulsore. Ora la potenza massima è di oltre 1.000 cavalli. Con i nuovi sviluppi riteniamo inoltre di poter raggiungere l’energia massima del sistema ibrido in una maniera più coerente rispetto alla passata stagione. Dunque, ci aspettiamo di notare un miglioramento del nostro sistema ibrido specialmente in gara, ma su ogni circuito”.

Parole che lasciano ben sperare lo squadrone del Sol Levante soprattutto in vista della 24 Ore di Le Mans, quando sarà necessaria la massima affidabilità per poter concludere la gara al comando. Dichiarazioni a cui si aggiungono anche quelle del direttore tecnico Pascal Vasselon.

“Il regolamento è rimasto piuttosto stabile, quindi non c’era alcun motivo di rivedere completamente i concetti della nostra vettura, soprattutto se si considerano le nostre prestazioni nel 2014. Diciamo che si tratta di un’evoluzione in quasi ogni area, infatti abbiamo cambiato circa l’80% delle componenti. Finora siamo soddisfatti dei risultati che abbiamo ottenuto nei test, ma nelle prossime settimane capiremo meglio il nostro valore”.

Ovviamente, le vetture avversarie si sono rafforzate, soprattutto la Porsche, che nel finale della scorsa stagione ha maturato anche la prima vittoria nel WEC, ma non è da sottovalutare nemmeno l’Audi, che ha vinto Le Mans nel 2014 e che è notevolmente migliorata dal punto di vista del sistema ibrido.